La Fondazione Emilia Bosis e l’Associazione Aiuto a Vivere Onlus

La fondazione Emilia Bosis è un organismo istituzionale no profit che, raccogliendo l’eredità storica e culturale della Comunità Logos dell’ex Ospedale Neuro-psichiatrico di Bergamo, è delegata ad occuparsi direttamente delle persone che soffrono a causa di disturbi mentali, intervenendo sulle manifestazioni psicopatologiche e sociali del paziente attraverso mirate metodologie di intervento terapeutico e socio-riabilitativo.
Particolare attenzione è dedicata alla formazione e divulgazione di una nuova cultura sociale in campo psichiatrico socio-assistenziale e riabilitativo.
Le prestazioni terapeutiche, riabilitative e risocializzanti sono erogate da un’ equipe di professionisti composta da: medici psichiatri, psicologi, educatori professionali, infermieri professionali e ausiliari socio-sanitari e da volontari del settore e obiettori di coscienza.
La Fondazione si avvale inoltre di laboratori artistico teatrali (condotti in collaborazione con la consulenza di professionisti del settore) e dell’utilizzo di articolate e complesse attività culturali, ricreative, ludico espressive, occupazionali e riabilitative in genere.
Investe risorse economiche e professionali per concorrere al miglioramento quantitativo e qualitativo della vita dei pazienti psichiatrici. Collabora attivamente in rapporto sinergico con l’istituzione pubblica socio-sanitaria del territorio e diocesana, per creare una rete di proficue risposte ai tanti bisogni dei portatori di malattia mentale e di disagio in generale. E’ di supporto alle famiglie, nucleo primario e insostituibile per ogni intervento educativo ed assistenziale. Infine, dispone di proprie strutture comunitarie residenziali e semiresidenziali ubicate nel tessuto cittadino, complessi architettonici di recente costruzione e ristrutturazione, atti a soddisfare le esigenze assistenziali-sanitarie e terapeutico-riabilitative dei soggetti in questione, i quali divengono non variabili ma parti integranti del cosiddetto territorio.
Secondo le direttive legislative nazionali e regionali in materia di tutela socio sanitaria dei malati di mente e del disagio in generale, le istanze culturali e i fondamenti teorico-pratici che caratterizzano il lavoro della Fondazione, come più ampiamente esposte nel progetto LOGOS della Fondazione stessa, vanno dalla interdisciplinarietà professionale e operativa alla creatività personale e gruppale, dalla innovazione metodologica per le strategie di intervento riabilitativo al momento etico culmine di ogni percorso progettuale soprattutto quando si tratta di persone sofferenti.
Gli obiettivi possono riassumersi nella formazione e informazione sulla problematica del disagio specie quello mentale, nell’erogazione di prestazioni socio-sanitarie in regime di residenzialità e semiresidenzialità, nella progettazione e realizzazione di strategie di intervento educativo e sanitario. Le finalità si possono individuare in una crescente e costante risocializzazione, integrazione territoriale, recupero dell’autonomia, dell’espressione e comunicazione sociale da parte dei soggetti ai quali sono rivolte le prestazioni.

I valori
Porre attenzione alla persona quale che sia la sua condizione economica, il suo credo politico e religioso, la sua razza;
fornire un aiuto per alleviare lo stato di sofferenza e di disagio al paziente ed al suo entourage;
valutare la domanda dell’istituzione inviante, dell’utente e della famiglia;
predisporre un piano terapeutico riabilitativo che tenga conto del livello funzionale di partenza;
accogliere il paziente in Comunità;
rivalutare periodicamente il progetto riabilitativo con il soggetto ed il suo inviante;
fornire un’attività di sostegno alle famiglie;
mantenere rapporti con i medici di medicina generale;
collaborare con le associazioni di volontariato;
formare ed aggiornare costantemente il personale.

La riabilitazione psichiatrica residenziale
L’obiettivo dell’intervento riabilitativo è aiutare gli ospiti a sviluppare le abilità personali e sociali necessarie per il reinserimento nel proprio ambiente di vita.
Il principio al quale ci ispiriamo è che la riabilitazione non può essere come una “medicina” che il paziente accetta passivamente, ma è un percorso che va costruito insieme.
I presupposti alla base di tale intervento sono:
• il coinvolgimento dell’ospite e dei suoi familiari;
• la scelta di obiettivi riabilitativi personali di vita basati sul principio di realtà;
• lo sviluppo delle potenzialità della persona: nonostante la disabilità, ognuno di noi può migliorare;
• la negoziazione di un percorso individualizzato ponendo particolare attenzione al livello funzionale di partenza;
• il sostegno alla persona e al suo ambiente;
• la creazione di un ambiente di vita il più possibile simile a quello di una condizione di vita “normale”.
Il Progetto Riabilitativo Individuale è il risultato di una valutazione funzionale effettuata con l’utente e il suo ambiente di riferimento per la definizione e la negoziazione di obiettivi specifici su cui verranno calibrati gli interventi riabilitativi strutturati.

La famiglia
I familiari e l’ambiente sociale sono una risorsa fondamentale nel percorso riabilitativo. In particolare la famiglia, oltre a rappresentare un supporto naturale per l’utente, viene coinvolta nel progetto vero e proprio al fine di:
• Raccogliere informazioni utili per la valutazione funzionale dell’utente nel suo ambiente di vita;
• Partecipare alla definizione degli obiettivi riabilitativi specifici;
• Collaborare agli interventi di apprendimento di abilità sociali ed al monitoraggio delle stesse.
Ai famigliari vengono fornite informazioni sul trattamento e la patologia nonché indicazioni utili alla dimissione
Vengono inoltre organizzati incontri periodici di aggiornamento e di informazione per i familiari che ne facessero richiesta.

L’Equipe
L’intervento riabilitativo psichiatrico è garantito dalla stretta collaborazione di diverse figure professionali:
• psichiatra;
• psicologo;
• ASA;
• educatore professionale;
• infermiere professionale.

 

ASSOCIAZIONE AIUTO A VIVERE ONLUS
L’associazione svolge la propria attività nel settore dell’assistenza sociale, perseguendo finalità di solidarietà sociale e di riabilitazione sanitaria e culturale. Ha per scopo l’attuazione di elevate iniziative di riabilitazione integrata rivolte ai soggetti disabili intellettivi, relazionali e psico-fisici, alle loro famiglie e a minori normo-dotati, per assistenza e sostegno, sia materiale che morale.
Tra le finalità dell’associazione vi è anche la promozione culturale compresi corsi di equitazione rivolti ai bambini.
Per l’attuazione di tali finalità, l’Associazione si ripromette di provvedere, a titolo esemplificativo:
– a favorire il processo di integrazione sociale della persona,
sostenendola ed, eventualmente, partecipando a detto processo
per una gestione di tali servizi;
– a promuovere ricerche ed attività finalizzate alla realizzazione dei propri scopi;
– a promuovere attività terapeutiche. riabilitative, socio assistenziali
di vario genere, lavorative, ludico sportive, e di promozione culturale.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...